News

Data

E-fattura differita, data di fine mese a prescindere dall’ ultima consegna

  “Superata l’ interpretazione che sembrava limitare l’ indicazione delle date Trasmissione allo Sdi entro il giorno 15 del mese successivo Risolto finalmente il tema della data fattura da indicare in caso di fatturazione differita: ammessa l’indicazione convenzionale dell’ultimo giorno del mese di effettuazione dell’operazione. L’agenzia delle Entrate con la risposta 389 di mercoledì 25 settembre mette la parola fine ad una problematica che aveva creato non pochi problemi applicativi a tutti i contribuenti che con i software a disposizione non erano in grado di gestire, in modo automatico, il vincolo, in caso di emissione della fattura nel mese successivo a quello di effettuazione, di riportare l’ esigibilità dell’ imposta nel mese precedente. La posizione dell’ Agenzia innova o meglio puntualizza quanto già affermato dalla circolare 14/E/2019 e consente ai contribuenti di gestire le fatture differite secondo la seguente procedura semplificata….”

26/09/2019

nuovi controlli sulle fatture elettroniche

Vi informiamo che in data 30 luglio 2019 sono stati introdotti nuovi controlli sulle fatture elettroniche PA e non PA. In particolare sono stati aggiunti i seguenti controlli: A. Verifica della coerenza di partita IVA e codice fiscale (se entrambi presenti) sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente (codici di errore 00320 e 00324) B. Verifica della corretta valorizzazione del codice fiscale, sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente, nei casi in cui la partita IVA sia quella di un gruppo IVA (codici di errore 00321, 00322, 00325 e 00326) C. Verifica del corretto utilizzo del codice destinatario “XXXXXXX” (codice di errore 00313) D. Verifica che l’indirizzo PEC indicato nel campo PECDestinatario non corrisponda ad una casella PEC del SdI (codice di errore 00330) E. Verifica, nei casi di autofattura, che la partita IVA del cedente/prestatore non sia cessata da più di 5 anni (codice di errore 00323)

05/08/2019

Nodo Smistamento Ordini – NSO

A partire dal 1/10/2019 gli ENTI del Servizio Sanitario Nazionale (es: ASL, Ospedali, Laboratori, Case di riposo/cura) saranno obbligati ad emettere e trasmettere ai propri FORNITORI documenti attestanti l’ordinazione degli acquisti di beni e servizi solo ed esclusivamente in forma elettronica (ORDINE ELETTRONICO). Per l’adempimento dell’obbligo verrà messo a disposizione un nuovo sistema, chiamato NSO (Nodo di Smistamento Ordini), il cui principio di funzionamento è simile a quello dello SDI per le fatture elettroniche. Se siete tra i soggetti coinvolti e volete ulteriori informazioni contattateci!

16/07/2019